Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.
WebCam cammino
CRTVG

-
- León (RTVCyl.es)
- Burgos (RTVCyl.es)
 
Non sempre le WebCam sono attive e funzionanti. Alcune sono "live" altre hanno tempi di risposta variabili.

Nelle ultime 24 ore sono arrivati a Santiago:
fare Refresh della videata o F5
il cammino di Santiago
...gli incontri.
cammino francese estate 2004 ( di Riccardo Latini)

Gli incontri sono senza dubbio una delle cose più belle che il cammino regala. Scambiare due parole, camminare insieme, condividere qualche giornata di cammino con gente che arriva da ogni angolo della terra e che il destino ha fatto incrociare sulla medesima via, è davvero unico e irripetibile.

L'Incontro

La pioggia smise di cadere poco prima dell’imbrunire.
L’uomo rannicchiato vicino al grosso tronco iniziò a togliersi lentamente il mantello
– poncho - parapioggia. La pioggia era caduta per un’ora, più o meno intensa, a folate accompagnata da un vento stranamente tiepido.
L’uomo si rese conto che nonostante si fosse coperto a dovere l’umidità di quella pioggia gli era entrata fin negli indumenti più interni. Si sentì preso da una sorta di fastidio, insofferenza improvvisa.
Non voleva prendere un malanno.
Non in quel momento, non in piena estate. Si tirò su un poco dalla posizione rannicchiata, si tolse il poncho e lo sbatté all’aria per scrollarlo dall’acqua.
Poi lo posò su un pezzo di legno che emergeva da un gruppo di rocce e sassi ammonticchiati li accanto nella speranza che si asciugasse in fretta. Poi finalmente si mise in posizione eretta, stirandosi a dovere. Le gambe gli si erano irrigidite: era restato troppo a lungo raggomitolato sotto quel riparo di fortuna.
Lentamente l’uomo si mise a dondolare avanti e indietro per permettere al sangue di
rifluire nel corpo indolenzito. Faceva questo mentre fissava l’orizzonte dietro a lui.
Sapeva, perché lo aveva calcolato, che quello che stava aspettando non avrebbe tardato ad arrivare. Il rifugio era ad appena cinque chilometri e avrebbe voluto farli in compagnia camminando.
Per questo si era fermato ad aspettare.
La giornata aveva minacciato pioggia in continuazione, ed alla fine era arrivata proprio nel momento della sua decisione di fermarsi e soprattutto dove non c’erano ripari decenti. La bicicletta in piedi sul cavalletto l’aveva coperta con un paio di sacchetti di plastica, quelli della spesa, ne teneva sempre un paio di scorta per emergenza. Velocemente aveva fasciato il sellino, il manubrio con la borsetta e soprattutto gli ingranaggi che non era il caso prendessero troppa acqua.
Le borse posteriori erano impermeabili e non se ne occupò. Appena in tempo che il primo
scroscio d’acqua arrivò quasi d’improvviso. Lui invece era riuscito ad infilarsi il poncho rannicchiandosi sul ciglio del sentiero in un angolino, una specie di buco, ricavato da un grosso tronco d’albero abbandonato da tempo ed addossato ad un cadente muretto a secco. Riparo precario anche a causa dello sferzare del vento che portava nuvole sottili di acqua tiepida e che si intrufolava dappertutto nonostante il grande poncho.
Gli incontri, gli appuntamenti sono importanti sul Cammino. Per giorni si cammina, si pedala, si vagabonda per i sentieri e le strade da soli, senza il bisogno di parlare.
Soli con i propri pensieri e i propri sogni.
E quando per caso si incontra qualcuno è festa. Si scambiano allegri saluti, poi impressioni e commenti sulla giornata di cammino. Si cercano perfino i motivi di quell’andare quasi senza meta se non la ricerca del rifugio quotidiano. Si scambia cibo, acqua, alle volte anche del vino. Oh sì, si ricordava bene di quel camminante francese con le due borracce: una con l’acqua per dissetarsi e l’altra con il vino, quello buono, per festeggiare gli incontri o per riscaldare le serate fresche delle meseta.
Alle volte basta solo la compagnia per un pò di strada o darsi appuntamento in qualche punto del Cammino. Ritrovarsi, anche per poco tempo in un paese, in una chiesa, in un rifugio. Poi ognuno riprende il suo passo.
Adesso l’uomo è sicuro che l’altro arriverà perché vede la sua figura diventare sempre più grande all’orizzonte rischiarato dal sole del tramonto. Arriverà, si incontreranno, si cercheranno con lo sguardo e parleranno delle esperienze del giorno, delle difficoltà, di quella pioggia quasi discreta nella sua forza ma invadente come solo certe piogge spagnole sanno essere. Si racconteranno dei luoghi attraversati, della stanchezza, della gioia dell’andare. E della solitudine di questo Cammino che attraversa lande così urbanizzate che non si capisce come mai la presenza umana sia così poca cosa. Di quell’andare su e giù, per strade, sentieri, monti e colline. Un su e giù senza fine che corrode i muscoli e la volontà a continuare. Ridendo si confideranno: al prossimo paese prendo il treno, il bus, mi faccio caricare da una macchina.
Ed invece no! L’orgoglio è più forte della stanchezza, della monotonia di quel toboga di sentiero.
Parleranno di questo e d’altro. L’importante é che per un tempo breve della loro vita sul Cammino si sia in compagnia a parlare, ridere, magari con un bicchiere di vino in mano.

(Cammino Francese 2004)

______________________________________

Le guide: La via Francese - La via del Norte - La via de la Plata>>>
(di Riccardo Latini)


torna al menù dei racconti: >>>



Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ci˛ permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie per˛, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter