Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.

il cammino di Santiago
il camminio di Santiago - filmati
Buono a sapersi ...

Preparazione fisica ... si o no?
Un po' di preparazione non guasta.

Per avere un bel ricordo del Cammino di Santiago di Compostela e non rischiare di dover prenotare in fretta un volo di ritorno in Italia, è bene fissare alcune regole d'uso comune, fermo restando che queste vanno poi rapportate alle singole situazioni personali.
Cominciamo dagli aspetti meramente tecnici (tralascio volutamente tutta la parte dedicata alla attrezzatura ed alla preparazione dello zaino, magari per parlarne in altra occasione).
Andiamo, dunque, a vedere se l'allenamento, la preparazione fisica e muscolare siano veramente indispensabili.
La risposta è no, ma con grosse riserve.
Domandiamoci, francamente e senza dire bugie: la mia è una vita sedentaria e non mi piace camminare? Faccio poca strada per raggiungere il lavoro, vado in auto? Non ho mai percorso più di 10 Km a piedi?
Se le risposte sono, come nella maggioranza dei casi, affermative, allora è il caso di pensare ad un minimo di abitudine (la parola allenamento è fuori luogo) a camminare almeno un mese prima di partire. Cominceremo a fare un paio di Km, a passo lento e senza affaticarsi.
Poi via via, aumenteremo sia la distanza che il ritmo. Ovviamente è meglio un tracciato in pianura, all'inizio, ma poi andiamoci a trovare qualche salita vicino casa. Dopo un paio di settimane di queste passeggiate, proviamo a farle con 5 Kg di peso sulle spalle. Un piccolo zainetto va bene, ma utilissime le cinture di sabbia che si trovano in commercio, buone anche da mettere sulle caviglie. L'obiettivo da raggiungere in un mese di abitudine al Cammino è il seguente: 4 Km l'ora con carico di max 8/10 Kg. Dico questo perchè questa è una media ragionevole da tenere lungo il Cammino, che ci consente di intervallare bene le tappe e non arrivare molto stanchi alla meta giornaliera.
Non provate a fare di più, a meno che non avete vent'anni e siete supertirati da anni di attivitè motoria. Non fate come tanti che ho visto andare per trenta, quaranta km alle prime tappe e rientrare precipitosamente in preda a problemi d'ogni tipo.
Il peso corporeo è importante, per evidenti ragioni. Provate a pensare come è facile salire su O Cebreiro con 5/6 Kg di meno, giusto il peso dello zaino che avete in spalla. Potrete sempre dire che il Cammino ha giovato alla vostra linea e, giuro, molte pellegrine sono più attente a questo risultato che ad altro...
Ma la preparazione vera, quella senza la quale non si va molto lontano, quella che richiede uno sforzo particolare prima, durante e dopo il Cammino di Santiago, è quella psicologica e mentale.
Lo dico perchè, a mio parere, esistono due atteggiamenti mentali contrastanti ed indesiderabili, che dovremmo cercare di evitare. Il primo, molto frequente, è partire senza aver veramente compreso che non è la meta il nostro obiettivo, cioè Santiago di Compostela.
E' il Cammino di per sé e l'andare giornaliero del camminante verso ovest, che accresce la nostra esperienza ed il nostro animo di pellegrini. In realtà non siamo noi che facciamo il Cammino, è quest'ultimo che fa noi....
Il secondo problema è la delusione delle aspettative. Molti partono in cerca di una soluzione ai loro problemi, altri per fuggire chissà da che, altri ancora perchè cercano risposte a dubbi che li tormentano. Tutto questo è sbagliato: il Cammino non è una panacea, un mondo idilliaco che esiste nell'eden immaginario di molti, dove tutto svanisce per incanto.
E' semplicemente una via lunga quasi 800 Km che, per forza di cose, ci metterà in confronto con noi stessi, con le nostre capacità ed i nostri limiti pratici e di vita quotidiana. Niente terapie, niente cure antistress, semplici problemi legati ad una vescica od al problema di lavarsi la biancheria.
Questioni che nella loro estrema semplicità, ci faranno capire quale può essere una dimensione di vita alternativa a quella che viviamo di solito. Per alcuni, semplicemente, sarà la prima volta che incontrano se stessi e garantisco che non è poco.
Insomma, vi dico che qualche passeggiata un mese prima di partirte è utile e vi farà bene, ma lasciate che una sottile ansia di partire penetri nella mente e nel cuore. In fondo siete già partiti, anche se fisicamente vi state solo abituando a farlo....Ultreya

 

 


Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ci˛ permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie per˛, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter