Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.

cammino di Santiago - guida on line
cammino di Santiago - guida on line del cammino francese
<-- direzione di marcia <-- verso Santiago - Guida on-line, edizione 2018 <--- <----- <--------
Tappa n° ...
Scarico Guida in formato .pdf (per stampa, tablet o Smartphone), clicca qui: >>>

30
Arzúa - Pedrouzo / km 19,1
<< tappa successiva --------------------------..........----------------------------------------------- tappa precedente >>

Dalla rúa Cima do Lugar, dov’è situato l’albergue pubblico, ci avviamo verso la strada sterrata do Carmen. I portici e le facciate rivestite in legno salutano il nostro passaggio per Arzúa. Lasciata la cittadina scendiamo fino alla fuente os Franceses e attraversando il río Vello arriviamo subito dopo ad As Barrosas e alla sua capilla de San Lázaro (Mojón 36). Continuiamo in discesa fino al río Brandeso, e saliamo fino a Preguntoño, villaggio della comunità di Burres con il suo eremo di San Paio del XVIII secolo (percorsi km 2,2). All’uscita evitiamo di attraversare la N-547 grazie ad una galleria sotto la carreggiata e saliamo un pendio, tra prati, coltivazioni di mais e con vista verso Arzua, fino al luogo di A Peroxa, sempre della comunità di Burres (percorsi km. 3,3). Entriamo ancora in un bosco di eucalipti che sempre più caratterizza il paesaggio Galiziano. Prati a pascolo per il bestiame si susseguono uno appresso l'altro e facilmente si possono vedere anche i filari deli bucato steso al vento e al sole ad asciugare. Percorriamo piste coperte di fogliame che con un po' di pioggia diventano una fanghiglia fastidiosa. Scendiamo fino al riachuelo Ladrón per poi raggiungere Taberna Vella (Mojón 32 e percorsi Km 5,2). Seicento metri dopo entriamo a Calzada, ultimo centro abitato del comune di Arzúa (percorsi Km 5,8). Lasciamo il paese, ed entriamo nel territorio del Concello (comune) de O Pino. A O Outerio/Calle il primo paese del nuovo "concello" che incontriamo passiamo sotto un hórreo caratteristico (una pellegrina segnala che le piogge dell’inverno 2011/12 hanno distrutto il manufatto). Abbandoniamo il paese dopo aver attraversato l’arroyo Langüello e seguiamo per una rete di strade e viuzze fino a Boavista e Salceda (percorsi Km 11,1). Qui percorriamo un tratto di cammino parallelamente alla statale N-547 e passiamo accanto ad un piccolo monumento che ricorda un pellegrino Guillermo Watt, morto lungo il Camino. Più avanti in prossimità di una concessionaria di macchine agricole attraversiamo con prudenza la statale N-547 per proseguire lungo una stradina agricola tra bosco da una parte e prati dall'altra, per 1km circa. Lasciamo O Xen alla nostra destra e raggiungiamo As Ras (percorsi Km 13,1) dove nuovamente con prudenza riattraversiamo la statale per entrare nel borgo di A Brea (Mojón 23,5 e percorsi Km 13,6) e poco dopo a A Rabiña. Qui può capitare che si accodino i pellegrini provenienti dal cammino del Norte che hanno preso la strada alternativa di O Pino. Parallelamente alla Nazionale e dopo averla attraversata un’altra volta, superiamo facilmente la salita arrivando a O Empalme (percorsi Km 15,3) dove troviamo degli accoglienti bar. Proseguendo il cammino ci allontaniamo dalla statale percorrendo una pista in mezzo agli eucalipti. Quando poco dopo riaffianchiamo nuovamente la statale, al termine di una breve discesa, un sottopasso ci porterebbe all'eremo di Sant’Irene la santa martire portoghese con una fonte barocca di acqua curativa e all'albergue privato per i pellegrini. Proseguendo dritti invece, troviamo un "merendero" con fontana d'acqua e l'albergue pubblico di Santa Irene. Il cammino prosegue e s'innoltra nuovamente tra gli eucalipti e incrociamo il Mojón 20. Usciamo dal fitto del bosco e nuovamente per un sottopasso riattraversiamo la statale per andare in direzione di O Pedruozo. Un paio di case, una segheria e ancora gli eucalipti ci conducono fino ad A Rúa frazione di Arca. Quando raggiungiamo nuovamente la statale ci teniamo sul bordo sinistro di essa e proseguendo stando bene sul ciglio a meno di 1 Km troviamo il primo degli albergue di O Pedruozo dove termina la penultima tappa del nostro cammino. Ad O Pedruozo troviamo tutto quello che può servire: albergue, pensioni, ristoranti, banca, farmacia.

Elenco Albergue della tappa

clicca su ciascun albergue indicato sotto e apri la relativa scheda descrittiva.

  1. Albergue Camiño das Ocas. Bebedeiro - Burres (5 km dopo di Arzúa)
  2. Albergue A Ponte de Ferreiros. A Ponte de Ferreiros (comune di O Pino)
  3. Albergue Turístico Salceda. Salceda
  4. El Albergue de Boni. Salceda
  5. Albergue Alborada. Salceda
  6. Albergue El Chalet. A Brea (frazione di San Miguel de Cerceda)
  7. The Way Hostel. A Brea (Comune di O Pino)
  8. Albergue Privado de Santa Irene. 
  9. Albergue de Peregrinos de Santa Irene. 
  10. Albergue Rural Astrar. Astrar (comune de O Pino)
  11. Camping Peregrino O Castiñeiro. Arca-Pedrouzo (O Pino)
  12. Albergue de Arca do Pino. Pedrouzo
  13. Albergue Porta de Santiago. Pedrouzo (frazione di Arca - comune di O Pino)
  14. Albergue Edreira. O Pedrouzo (frazione di Arca - comune di O Pino)
  15. Albergue O Burgo. O Pedrouzo (frazione di Arca - comune di O Pino)
  16. Albergue Otero. O Pedrouzo (frazione di Arca - comune di O Pino)
  17. Albergue Cruceiro de Pedrouzo. O Pedrouzo (frazione di Arca - comune di O Pino)
  18. Albergue REMhostel. O Pedrouzo (frazione di Arca - comune di O Pino)
  19. Albergue O Trisquel. O Pedrouzo (frazione di Arca - comune di O Pino)
informazioni dal sito spagnolo - www.caminodesantiago.consumer.es/

Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ciò permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie però, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter