Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.
Pellegrinibelluno.it partecipa alla
Raccolta fondi per il territorio bellunese
colpito dall'alluvione del
29 ottobre 2018.

Per partecipare alla raccolta >> clicca qui

cammino di Santiago - guida on line
cammino di Santiago - guida on line del cammino francese
<-- direzione di marcia <-- verso Santiago - Guida on-line, edizione 2018 <--- <----- <--------
Scarico Guida in formato .pdf (per stampa, tablet o Smartphone), clicca qui: >>>

21
Astorga - Foncebadón / km 25,9
<< tappa successiva --------------------------..........----------------------------------------------- tappa precedente >>

Cominciano le salite, si abbandona il "piattume" delle tappe precedenti, ci si avvicina alla Galizia e il profilo altimetrico varia. Si esce da Astorga passando ancora una volta davanti alla cattedrale e prendendo la Calle Leopoldo Panero che si apre diffronte alla facciata e al termine della quale a destra si procede lungo la Calle de San Pedro o la Calle del Sol. All'incrocio con la statale N-VI si passa dall'altra e si prende la strada LE-142 Calle de los Martires che sta proprio di fronte in direzione Castrillo e S.ta Colomba, un lungo viale alberato che percorriamo sulla destra. All'altezza di Valdeviejas alla sinistra della strada c'è la Ermita Ecce Homo, un costruzione del XVIII secolo recentemente restaurata e dove è possibile farci apporre il Sello sulla credencial dal mattiniero eremita. Poco dopo l'ermita ci troviamo a superare la Autostrada A-6 lungo il cavalcavia e procedendo sempre paralleli alla LE-142 arriviamo a Murrias de Rechivaldo (percorsi 4,7km). A questo punto volendo allungare il cammino di 1 km circa si può deviare verso Castrillo de los Polvazares villaggio della "Maragatería" uno dei meglio conservati e caratteristici soprattutto per quanto riguarda la sua architettura. Divenne importante a partire dal secolo XVI per i suoi arrieros (trasportatori) che con i loro muli e carri, trasportavano dal nord al sud della Spagna merce di ogni tipo. Dai preziosi minerali delle Asturie e della Cantabria, oro e argento, ai cereali delle terre di Léon, ai tesori della corona di Spagna. Tutto ciò fece la fortuna del villaggio che conserva numerose testimonianze nella architettura delle case e delle strade e che vale la pena vedere. Il camino si ricongiunge nuovamente a Santa Catalina de Somoza.
Se la deviazione non interessa, proprio all'altezza del cartello indicatore di Murrias sulla sinistra prendiamo il cammino finalmente fuori dall'asfalto. Attraversiamo il villaggio per una calle laterale Calle del cementario Antiguo che poi diventa calle de Santiago e prendiamo una strada bianca ghiaiosa. Dopo più di 2 Km incrociamo la strada LE-142 (percorsi 7,3 km). Prendiamo la pista che sta esattamente di fronte a noi e che corre a destra parallela alla strada CV-192-4. Dopo 2km si arriva a Santa Catalina de Somoza dove è possibile fare una sosta approfittando dei diversi bar lungo calle Real. Il paese è conosciuto nella storia del cammino per la sua ospitalità fin dai tempi remoti, però dell'antico Hospital de la Virgen de las Candelas non ci sono più tracce. Nella chiesa parrocchiale di Santa Maria si conserva una reliquia di San Blas noto per l'assitenza medica ai pellegrini.
Attraversiamo il villaggio lungo calle Real e riprendiamo il cammino sulla pista parallela alla strada CV-192-4 che in lieve salita ci porta fino al paesino di El Ganso. Antico e semiabbandonato villaggio che prende vita soprattutto in estate grazie al passaggio dei pellegrini. Caratteristiche le case con il tetto di paglia di segale (Pallozas) un antichissimo sistema per la copertura. La chiesa dedicata a Santiago, conserva una statua del santo del XVI secolo, vestito da pellegrino. Nell'atrio c'è una cappella nota come del Cristo e del pellegrino come già citato nel secondo libro " Peregrinaciones a Santiago de Compostela". Proseguiamo il cammino oltre El Ganso lungo un bel tracciato in terra battuta parallelo alla strada CV-192-4 e dopo circa 1 km troviamo un'area di sosta attrezzata con tavoli e panche ... un po' troppo esposta al sole. Il cammino prosegue sempre in parallelo alla strada e alcuni preferiscono camminare sull'asfalto dal momento che la strada è poco trafficata, per evitare la polvere e i ciotoli del tracciato. Dopo circa un'ora di marcia si arriva ad un bivio e noi procediamo a sinistra per Rabanal del Camino. Ci si allontana dalla strada per un tracciato tra arbusti e alla nostra destra troviamo una recinzione in rete dove, come a Logroño, i pellegrini intrecciano dei rametti di legno a formare una croce e ce ne sono centinaia. Quando ci si ricongiunge nuovamente alla strada alla nostra sinistra vediamo il monumentale Rovere del pellegrino conosciuto con il sopranome di carballo (Rovere in Galego) de Fonso Pedredo. Poco più avanti a sinistra troviamo la ermita del Cristo de la Vera Cruz del XVII/XVIII secolo. Si entra così in Rabanal del Camino già citato come località di tappa dal Codex Calistinus. Nel medioevo Rabanal era un avamposto dei Templari di Ponferada che proteggevano i pellegrini sul cammino. Nella casa de las Cuatro Esquinas ospitò Felipe II re di Spagna nel XVI secolo, durante la sua peregrinazione a Santiago e la leggenda dice che di qui passò anche Carlo Magno con i suoi fedeli paladini. Lungo la calle Real si può vedere la cappella de San José e l' Hospital de San Gregorio. Nella parte più alta del paese si può contemplare la chiesetta parrocchiale de la Asunción uno dei pochi esempi di stile romanico che si possono incontrare in questi luoghi. Se come prevede la tappa, ci si vuole portare fino a Foncebadon è bene soprattutto in inverno assicurarsi che gli ostelli siano aperti, altrimenti Rabanal offre molte possibilita per dormire e mangiare. Si esce da Rabanal e dopo aver raggiunto un lavatoio, si entra in un sentiero tra cespugli. Più avanti troviamo un abbeveratoio e camminiamo per un tratto sulla strada LE-142 da dove possiamo svolgere lo sguardo indietro verso un belvedere su Astorga ... nebbie e nuvole permettendo. Si giunge quindi camminando su di un piacevolissimo tracciato, a Foncebadon meta della nostra tappa e una croce di legno da il benvenuto. Il Paese è da tempo abbandonato, ma grazie al cammino sta conoscendo una nuova vita. Nel X secolo Ramiro II de León convocò qui un concilio e nel XI secolo un eremita di nome Gaucelmo costruì un Albergue per i pellegrini.

Note: Per i pellegrini più attenti e curiosi, quando si è a Murrias de Rechivaldo si può fare una deviazione fino a Castrillo de los Polvazares come indicato nella descrizione allungando il cammino di 1 km scarso.

Elenco Albergue della tappa

clicca su ciascun albergue indicato sotto e apri la relativa scheda descrittiva.

  1. Albergue de Peregrinos Ecce Homo. Valdeviejas, pedanía de Astorga
  2. Albergue de Murias de Rechivaldo. Murias de Rechivaldo
  3. Albergue Casa Las Águedas. Murias de Rechivaldo
  4. Albergue Casa Flor. Murias de Rechivaldo
  5. Albergue municipal de Castrillo de los Polvazares. Castrillo de los Polvazares (pedanía de Astorga)
  6. Albergue Hospedería San Blas. Santa Catalina de Somoza
  7. Albergue y Centro de turismo rural El Caminante. Santa Catalina de Somoza
  8. Albergue Gabino. El Ganso
  9. Albergue La Senda. Rabanal del Camino
  10. Albergue Nuestra Señora del Pilar. Rabanal del Camino
  11. Albergue Municipal Rabanal del Camino. Rabanal del Camino
  12. Albergue Gaucelmo. Rabanal del Camino
  13. Albergue Roger de Lauria. Foncebadón
  14. Albergue Monte Irago. Foncebadón
  15. Albergue La Posada del Druida. Foncebadón
  16. Albergue parroquial Domus Dei. Foncebadón
  17. Albergue La Cruz de Fierro. Foncebadón
informazioni dal sito spagnolo - www.caminodesantiago.consumer.es/

Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ciò permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie però, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter