Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.

cammino di Santiago - guida on line
cammino di Santiago - guida on line del cammino francese
<-- direzione di marcia <-- verso Santiago - Guida on-line, edizione 2018 <--- <----- <--------
Scarico Guida in formato .pdf (per stampa, tablet o Smartphone), clicca qui: >>>

17
Terradillos de los Templarios - El Burgo Ranero / km 30,6
<< tappa successiva --------------------------..........----------------------------------------------- tappa precedente >>

Abbandoniamo Terradillos de los Templarios percorrendo una pista in ghiaia che dopo circa 1,5km si butta nell’asfalto della provinciale P-973. Dopo un breve tratto di questa strada si ritorna nuovamente in “pista” su un tracciato che attraversa campi di cereali costeggiato da una fila di pioppi disposti lungo l’arroyo de San Juan y de la Huelga.
A Moratinos penultimo paese della provincia di Palencia incontriamo le prime “bodegas” (cantine) scavate nella terra e le case costruite con i mattoni impastati di argilla e paglia. Qui troviamo l’Albergue de San Bruno gestito da Bruno un italiano. Un valido motivo magari per sostare la notte o comunque fare una pausa di cammino. Sempre a Moratinos nella chiesa de Santo Tomás de Aquino del XVI secolo c'è una scultura della Vergine con Gesù bambino del XVI secolo. Dopo 2,5 km giungiamo a San Nicolás del Real Camino, ultimo paese della provincia di Palencia. Questo piccolo borgo dove tra l'altro troviamo bar, ristorante e un albergue, è citato nella storia del cammino già a partire dal XII secolo come riporta José María Lacarra nel secondo capitolo de Las Peregrinaciones a Santiago de Compostela: "... in San Nicolas del Real Camino nel secolo XII c'era un lebrosario gestito da canonici di San Agostino ..." Usciamo da San Nicolas del Real Camino, superiamo il río Sequillo e prendiamo il percorso per i pellegrini che corre parallelo alla statale N-120. Un centinaio di metri più a nord corre l'Autostrada A-231 detta del camino de Santiago. Lungo questa via, passiamo il confine che ci porta nella provincia di León. Il cammino prosegue parallelamente alla statale N-120. Ad un certo punto ci portiamo dall'altra parte della strada e dopo aver superato il río Valderabuey sopra un ponte di pietra entriamo in un'area verde con alberi e tavoli per la sosta dove si trova la ermita de la Virgen del Puente di stile romanico - mudéjar (percorsi 10,3km). Il cammino prosegue verso la vicina Sahagún. Si evita l'attraversamento della N-120 con un sotopasso ed entriamo in città lungo la calle Ronda de Estación transitando in prosimità dell'albergue Municipal. Sahagún è la città dei santi Facundo e Primitivo, legionari romani convertiti al cristianesimo che furono martirizzati ed annegati nel fiume Cea ai tempi di Diocleziano. Nel medioevo, Sahagún era sotto l'influsso totale del monastero di San Benito, detto il Cluny spagnolo (dal notissimo monastero francese di Cluny da cui i frati clauniacensi). La dominazione del monastero sulla popolazione di Sahagùn era tale che arrivò ad imporre penitenze come la proibizione di mangiare carne, obbligando la gente a comprare il pesce dai monaci stessi che praticavano la pescicoltura. Dice la leggenda che davanti a questa imposizione la gente cominciò a gettare i maiali nel fiume per poterli pescare e mangiarli come pesce senza rompere la penitenza. Da vedere sono la Iglesia de San Lorenzo del XIII secolo, in perfetto stile mudéjar cioè con l'utilizzo del mattone anzichè della pietra di cui la zona era povera. La Iglesia de San Tirso delle stesse caratteristiche di quella di San Lorenzo e in fine l' Arco de San Benito in stile barocco del XVII secolo che sostitui una porta romanica del monastero di San Benito ormai in rovina.
Percorriamo le vie Herrería e Antonio Nicolás fino all'uscita dalla città che abbandoniamo completamente con l'attraversamento del río Cea per il ponte in pietra "puente Canto" (percorsi 13,7km). Si prosegue lungo un sentiero parallelo alla Statale N-120 fino ad incrociare un cippo di pietra che segnala una direzione alternativa del cammino che porta a Calzadilla de los Hermanillos.
Noi proseguiamo verso El Burgo Ranero, ma nessuno ci vieterebbe l'alternativa, anche perchè il giorno dopo le vie si ricongiungerebbero a Mansilla de las Mulas. Da questo cippo in pietra quindi, proseguiamo in direzione El Burgo Ranero su di un lungo tratto di strada appositamente strutturata per il passaggio dei pellegrini con un filare di alberi impiantati per creare un po' d'ombra che ci accompagnerà per oltre 30 km. Dopo un'ora di cammino alla nostra sinistra vediamo in una radura la ermita de Nuestra Señora de Perales. Più avanti, dopo aver attraversato un torrente, sul lato della strada troviamo una croce che ricorda un pellegrino tedesco, Manfred Kress morto sul cammino. Si entra cosi nel paesino di Bercianos del Real Camino interessante e curioso per le case fatte con mattoni di argilla e paglia (percorsi 23km). Lungo la via del paese troviamo dei negozi di generi alimentari e un bar. Si ritorna sulla "via alberata". All'altezza del arroyo del Olmo troviamo un'area di "descanso" (riposo). La pista alberata prosegue passando sotto il viadotto dell'autostrada A-231 e quindi fino a El Burgo Ranero conclusione della nostra odierna e lunga tappa.

Nota: Chi volesse percorrere il cammino verso Calzadilla de los Hermanillos deve stare attento al bivio dove il cippo segnala tale deviazione a girare appunto verso destra e attraversare il ponte sopra la autostrada A-231. Entrati a Calzada de Coto è bene informarsi sullo stato di segnatura del tracciato che non è molto evidente. Uscendo dal paese il cammino procede lungo un tracciato fino ad incrociare la ferrovia e da qui si continua attraverso macchie di arbusti, piccoli boschi in totale solitudine fino alla fattoria agroturistica di monte Valdelocajos. Ancora tre km e poi si arriva a Calzadilla de los Hermanillos dove troviamo un bar, una "tienda" (piccolo negozio di alimentari) e un albergue per los peregrinos (percorsi km 26,5). Il giorno dopo si procederà fino a Mansilla de las Mula per riprendere il tracciato del cammino francese.

Elenco Albergue della tappa

clicca su ciascun albergue indicato sotto e apri la relativa scheda descrittiva.

  1. Albergue de peregrinos San Bruno. Moratinos
  2. Albergue Moratinos. Moratinos
  3. Alberguería Laganares. San Nicolás del Real Camino
  4. Albergue de Peregrinos Cluny. Sahagun
  5. Albergue Viatoris. Sahagún
  6. Albergue Santa Cruz. Sahagún
  7. Albergue El Labriego - Posada . Sahagún
  8. Albergue de peregrinos San Roque. Calzada del Coto
  9. Albergue de Calzadilla de los Hermanillos. Calzadilla de los Hermanillos.
    Corresponde al Municipio del Burgo Ranero
  10. Albergue Vía Trajana. Calzadilla de los Hermanillos
  11. Albergue Bercianos. Bercianos del Real Camino Francés
  12. Albergue Santa Clara. Bercianos del Real Camino
  13. Albergue El Sueve. Bercianos del Real Camino
  14. Albergue del Burgo Ranero, Domenico Laffi. El Burgo Ranero
  15. Albergue La Laguna. El Burgo Ranero
informazioni dal sito spagnolo - www.caminodesantiago.consumer.es/


Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ciò permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie però, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter