Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.

cammino di Santiago - guida on line
cammino di Santiago - guida on line del cammino francese
<-- direzione di marcia <-- verso Santiago - Guida on-line, edizione 2018 <--- <----- <--------
Scarico Guida in formato .pdf (per stampa, tablet o Smartphone), clicca qui: >>>

4
Pamplona - Puente la Reina / km 24,0
<< tappa successiva .......................................................................................................................... tappa precedente >>

L'uscita di Pamplona è ora facilitata dalla posa della "conchiglia" sulla pavimentazione messa ogni 5 metri circa. Si esce lungo le vie della famosa corsa dei tori di San Firmin fino a ad arrivare a plaza Consistorial di fronte alla facciata mezzo barocca e neoclassica del palazzo del municipio costruita nel 1752. Continuiamo lungo la via San Saturnino e percorriamo tutta la Calle Mayor; Si supera un passaggio pedonale e si entra nel parco la Vuelta del Castillo. Si percorre il parco e si prosegue lungo la calle Fuente del Hierro che dopo aver incrociato l'Avenue de Navarra, costeggia la cittadella universitaria fino al puente de Acella sopra il río Sadar (3km percorsi)
Si esce quindi da Pamplona costeggianndo la cittadella univesitaria e ci si incammina verso Cizur Menor per affrontare l'ascensione "all'Alto del Perdon". Si passa per Zariquiegui dove si trova la vecchia chiesa di San Andrés, che conserva una sobria facciata romanica e dove ci si può rifornire d'acqua alla fontanella. Il sentiero prosegue in salita e prima di arrivare al valico si trova la "Fuente Reniega" (o fonte fuente de Gambellacos) . La leggenda racconta che un pellegrino sfinito ed assetato, fu tentato dal diavolo che si offrì a portarlo fino ad una fonte se avesse rinnegato la sua fede. Il pellegrino resistette alla tentazione e per ricompensa gli apparve l'apostolo Santiago vestito da pellegrino che gli mostrò la fonte e gli diede da bere con la sua conchiglia (vieira).
Sull'Alto del Perdon c'è il monumento al pellegrino ed un grande Parco Eolico. Una frase riportata in rilievo sul monumento, ricorda il fascino del luogo divenuto, come altri, simbolo del cammino per aver visto il passaggio di milioni di pellegrini: "Donde se cruza el camino del viento con el de las estrellas". Frase che racchiude il sogno e la magia del cammino.
Scendendo si trovano: Uterga con la sua chiesa parrocchiale gotica; Muruzábal ed il suo eremo templare di Eunate che però non è sul sentiero, ma ci si può arrivare facendo una deviazione di un paio di Km; Obanos e la storia del "Mistero di Obanos": Racconta la leggenda che a seguito di un viaggio a Santiago come pellegrina, Santa Felicia decise di rimanere come eremita in Amocain. Suo fratello Guglielmo, duca di Aquitania, contrariato davanti a suo rifiuto di ritornare alla corte la uccise. Pentito Guglielmo, tornò pellegrino a Santiago girovagando in Obanos, piangendo il suo peccato fino alla sua morte. Una stele sull'orlo dell'eremo di Arnotegui ricorda questo fatto.
Ad Obanos confluisce la via Aragonese che proviene da Somport. Alla fine della “Calle Major” a Puente la Reina, c'è il famoso ponte che da il nome alla cittadina stessa, altro sibmbolo del cammino. Venne fatto costruire dalla regina donna Munia moglie del re Sancho el Mayor de Navarra, nell'XI secolo, per facilitare ai pellegrini l'attraversamento del fiume Arga.

Principali difficoltà -
L'Alto del Perdon. Una volta attraversato Pamplona, il pendio di Cizur fa capire che la tappa sarà faticosa. È una zona resa difficile dai campi, che possono essere infangati in caso di pioggia sopratutto nel piano. Fino al chilometro 10 si alternano sentieri, strade e campi; da questo punto il pellegrino si trova una forte pendenza, ma di solo 500 metri, poiché dopo si ammorbidisce. È la prima dei due strappi che si trovano in tutta l'ascensione. Dopo un chilometro si trova il secondo strappo, breve ma con la difficoltà in più data da un sentiero lastricato di pietre. Una volta superati questi punti, i due chilometri e mezzo che rimangono fino all'alto sono di salita costante e senza difficoltà. La discesa è un tantino complicata nel primo chilometro e mezzo, per la presenza di grosse pietre e molta pendenza. Il resto è tranquillo, inoltre, in questa discesa ci si può fermare a bere acqua in Uterga, a 4km dopo il valico dell'Alto del Perdon, alla fontana della quale si dice che "Da Pamplona a Ponte la Reina a Uterga la migliore fonte."

Elenco Albergue della tappa

clicca su ciascun albergue indicato sotto e apri la relativa scheda descrittiva.

  1. Albergue de peregrinos de la Orden de Malta. Cizur Menor
  2. Albergue Familia Roncal. Cizur Menor
  3. El Albergue de Zariquiegui. Zariquiegui
  4. Albergue San Andrés. Zariquiegui
  5. Albergue Camino del Perdón, Uterga
  6. Albergue Casa Baztan. Uterga
  7. Albergue El Jardín de Muruzábal. Muruzábal
  8. Albergue Mendizabal. Muruzábal
  9. Albergue de peregrinos de Eunate - Eunate (apertura non assicurata)
  10. Albergue Usda. Obanos
  11. Albergue Jakue. Puente La Reina
  12. Albergue de los Padres Reparadores. Puente La Reina
  13. Albergue Puente. Puente la Reina
  14. Albergue Estrella Guía. Puente la Reina
  15. Albergue Amalur. Puente la Reina
  16. Albergue Santiago Apostol. Puente La Reina
informazioni dal sito spagnolo - www.caminodesantiago.consumer.es/


Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ciò permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie però, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter