Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi.
Pellegrinibelluno.it partecipa alla
Raccolta fondi per il territorio bellunese
colpito dall'alluvione del
29 ottobre 2018.

Per partecipare alla raccolta >> clicca qui

cammino di Santiago - guida on line
cammino di Santiago - guida on line del cammino francese
<-- direzione di marcia <-- verso Santiago - Guida on-line, edizione 2018 <--- <----- <--------
Scarico Guida in formato .pdf (per stampa, tablet o Smartphone), clicca qui: >>>

3
Zubiri - Pamplona / km 20,4
<< tappa successiva ------------------------------------------------------------------------- tappa precedente >>

E' la tappa che ci porta alla prima città del "camino": Pamplona.
Si riattraversa il "puente de la Rabia". Dopo 1 Km si raggiunge il bordo della strada proprio di fronte allo stabilimento di magnesite fondato nel 1945 che sfrutta i giacimenti della zona. Si percorre il perimetro della fabbrica scendendo una rampa di gradoni fino a lasciare la zona industriale. Camminando su un tratto di strada asfaltata si arriva a Ilarratz e poco più avanti a Eskirotz (percorsi Km 3,7). Dopo 2Km si arriva a Larrasoaña. Il paese deve le sue origini alla fondazione nel X secolo di un monastero. Provenendo da Zubiri il percorso non attraversa il paese perchè al di là del fiume Arga, a meno che non si decida di attraversarlo percorrendo il Puente de los Bandidos. Più avanti, una breve salita porta ad Akerreta dove nella parte alta del paese si trova la chiesa de la Transfiguracion che conserva elementi medievali come la torre, il portale e la fonte battesimale (percorsi km 6,1). Dopo Akerreta si attraversa uno splendido bosco e il sentiero è interrotto più volte (5 volte) da passaggi sbarrati per la protezione degli animali al pascolo; bisogna avere l'avvertenza di aprire e soprattutto richiudere i varchi ad ogni nostro passaggio.
Si arriva a Zuriain con la sua chiesa di San Millán (percorso km 9,2). Dopo un breve tratto su sulla statale N-135 riattraversando il rio Arga puntiamo verso Irotz . Passiamo davanti alla Chiesa de San Pedro e proseguiamo fino al Puente de Iturgaiz di origine romanica e ripristinato nel secolo scorso. 0,6 km dopo il ponte incrociamo un gruppetto di case. Qui, con una piccola deviazione a destra del cammino, potremmo salire al paesino di Zabaldika, alla chiesetta di San Esteban. Bussando alla Casa delle Sorelle del Sacro Cuore è possibile visitare l'antica chiesetta e, salire sulla torre del campanile per suonare la campana. La storia dice sia la seconda campana più vecchia di Spagna e ogni rintocco annuncia il passaggio di un pellegrino. Da qualche anno c'è anche un buon albergue donativo con cena e colazione comunitari.
Rientriamo nel cammino proseguendo lungo la pista del parco fluviale del rio Arga. Arriviamo ad una vasta zona di sosta per pic-nic (merendero) con tavoli, barbeque e servizi igienici.
Se seguiamo il percorso fluviale possiamo raggiungere Pamplona egualmente, mentre il percorso tradizionale ci porta a salire per un sentiero e passare quindi per le rovine del señorío de Arleta fino ad arrivare al puente del río Ulzama e la antica ermita de Trinidad de Arre (percorsi km 15,8).
Attraversiamo Villava terra del famoso ciclista Miguel Indurain percorrendo la calle Mayor. Proseguendo si passano alcune rotonde fino a entrare a Burlada che si percorre lungo la Calle Mayor (percorsi km 17,2). All'altezza di un garage per auto, si gira a destra per attraversare la strada. Dopo l'incrocio, seguiamo le indicazioni del cammino sulla pavimentazione stradale per alcuni metri fino ad arrivare all'inizio del camino de Burlada o paseo de la Magdalena che ci porterà alle porte di Pamplona. Circa 1,5Km più avanti incrociamo il puente de la Magdalena e dopo averlo attraversato girando a sinistra, c'è la via che porta all'ostello Casa Paderborn mentre continuando per la destra si entra in città passando sotto la Porta di Francia e seguendo la calles del Carmen y la Navarrería.

L'itinerario - Questa è una tappa breve da godere, con continui su e giù che a metà del percorso e dalla Trinidad de Arre fino alla capitale navarrese, alterna sentieri a tratti di asfalto.
Principali difficoltà - si può trovare fango a secondo della zona. Nelle zone più complicate e di pendenza pronunciata si trovano scale fatte con traversine di legno, che facilitano il cammino. Bisogna fare attenzione in Zuriain, poichè il sentiero entra nella strada camminando per 700 metri sull'asfalto.
Informazioni: All'entrata di Pamplona subito dopo aver attraversato il ponte de la Maddalena sulla sinistra, c'è la via che porta all'ostello Casa Paderborn.

Elenco Albergue della tappa

clicca su ciascun albergue indicato sotto e apri la relativa scheda descrittiva.

  1. Albergue Ezpeleku. Ilarratz
  2. Albergue Acá y Allá. Urdániz (Navarra) A medio kilómetro del Camino
  3. Albergue de Larrasoaña. Larrasoaña (Navarra)
  4. Hostel Bide Ederra. Larrasoaña (Navarra)
  5. Albergue San Nicolás. Larrasoaña (Navarra)
  6. Albergue La Parada de Zuriain. Zuriain (Navarra)
  7. Albergue Parroquial de Zabaldika. Zabaldika (Navarra)
  8. Albergue Municipal de Huarte. Huarte
  9. Albergue de la Trinidad de Arre. Arre (Navarra)
  10. Albergue municipal de Villava. Villava (Navarra)
  11. Albergue Casa Paderborn. Pamplona. (Navarra)
  12. Albergue Casa Ibarrola. Pamplona
  13. Albergue de Pamplona/Iruñako Aterpea. Pamplona
  14. Albergue Plaza Catedral. Pamplona
  15. Albergue de Jesús y María. Pamplona (Navarra)
  16. Hostel Ciudadela 7. Pamplona
  17. Hostel Hemingway. Pamplona
  18. Aloha Hostel. Pamplona
  19. Albergue Xarma Hostel Aterpea. Pamplona (Navarra)
informazioni dal sito spagnolo - www.caminodesantiago.consumer.es/

Questo sito non ha fini di lucro e non fa uso di cookie di profilazione, ma è possiblile che utilizzi dei cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione del sito, si acconsente all'utilizzo degli stessi. I cookie sono minuscoli file che, a seconda del sito che si sta visitando, vengono memorizzati nel proprio computer dal programma di navigazione internet che si sta utilizzando (Chrome, FireFox, Internet Explorer, ecc.) e vi rimangono per un periodo di tempo indefinito. Ciò permette di salvare le impostazioni e preferenze e di conseguenza ricordare i dati di login per facilitare la ricerca. I cookie però, a tutela della propria PRIVACY, si possono cancellare e/o disabilitare seguendo le informazioni inserite nelle funzioni avanzate del programma (browser) utilizzato per navigare e fare le ricerche in internet. Tutti i loghi, nomi e marchi commerciali e le immagini riprodotte in questo sito sono dei rispettivi proprietari
> webmaster: Oriano Rinaldo - www.pellegrinibelluno.it <

web counter